menu Menu
JENIN
By riccardoblog Posted in Poesia on 27 Giugno 2006 2 Comments 1 min read
Tra vita e vita Previous Next

Nascemmo e morimmo nel fuoco,

affogati nel piombo e nessuno

risorse dal filo spinato.

Ti ricordi quel giorno,

la terra violentata dagli anfibi

e i brandelli di carne stesi

come bucato lungo il filo spinato.

Quel giorno la madre cercò

figli e urlò preghiere scalciando

sassi e polvere nel vuoto;

e bevve sangue, la madre,

sangue del figlio partorito

nel suo sangue, sangue di Cristo

che non feconda più fiori

ma imbeve mitraglie

ai bordi del filo spinato.


Previous Next

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Invia commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
keyboard_arrow_up