Questa è una mia canzone, scritta dopo un’intensa e dolorosa delusione.

LACRIME PROIBITE

Dimmi chi sei davvero
spietato demone incantatore
Sei la mia giusta punizione
o soltanto finzione?
Nei tuoi abiti lisi
io m’accingevo ad entrare
Sulle tue labbra carnose
non smettevo, oh mai di osare…
baciarti
accarezzarti
…illudermi beato!

Allora dimmi che vuoi ancora
da me…oh schiava del mistero
e dell’orgoglio insano
Sul tuo volto stendo un velo
ora, ho bisogno d’offuscarti
Vorrei non soffrir più invano
nell’eufonia di perdere…di perderti…
Nei tuoi abiti lisi
io mi riscopro un fantasma
Sulle tue labbra carnose
sangue velenoso…
baciarti
accarezzarti
e soccombere come un dannato!

Esalando ultimi respiri…
dai miei occhi non sgorgheranno più
lacrime proibite!

Vorrei esser malato per preoccuparmi della mia morte
invece che star bene e pensare a te…
25/10/03

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

3 thoughts on “Lacrime proibite

  1. Sei veramente bravo…

    Sono poche le persone di sesso maschile che conosco e che hanno un contatto così profondo con il dolore…

    Un abbraccio

  2. Rileggo questa poesia che avevo già modo di apprezzare con lo stesso struggimento e la medesima emozione. Il tuo poetare, così profondo ed incisivo, sa sempre colpire zone più in ombra dell’anima, quelle dove ognuno cela la sofferenza ed il dolore…

    Ti abbraccio rinnovandoti la mia stima ed il mio affetto

    Maya

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine