menu Menu
Lapis lazwardi*
By RenatoPoesie Posted in Blog degli Autori on 23 Giugno 2007 5 Comments 1 min read
Senza ombrello Previous Sposa delusa Next

Vis à vis,
lapislazzuli
due, lucenti,
occhi, nel fondo
mi specchio.
Desiderio ardo,
della pallida
luce di luna,
nell’effluvio salso
di gialle ginestre.
Nella quotidiana
ricerca delusa,
chimerico spirito
vedo pingere,
grazia e furore,
la vita, azzurri,
rossi, gialli,
amorosi colori.
Spirito patisce
Anima anela.

1febbraio2007 (C) RenatoLonzar_deCastroHistra

dal latino lapis (pietra) e lazuli, genitivo del latino medioevale lazulum, derivato dall’ arabo (al-)lazward, a sua volta dal persiano lazhward che significa appunto “azzurro”.  Con lapislazzuolo si creava attraverso la macinazione e altri procedimenti, il più pregiato blu degli affreschi medievali, dalla tonalità intensa ed estremamente resistente nel tempo.

Amore


Previous Next

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Invia commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. Quante immagini, Renato! Una segue l’altra in un crescendo che dà ritmo a questi tuoi meravigliosi versi.

    Raffinata questa tua lirica!

    La segnalo.
    Marilena

  2. Immagini poetiche suggestive: lapislazzuli lucenti, gialle ginestre… Il tutto per descrivere i colori più belli dell’amore. Il tutto per narrare in poesia l’amore stesso.

    Nicla Morletti

keyboard_arrow_up