menu Menu
Come vorrei che fosse questo blog...
Di Redazione Pubblicato in Blog degli Autori on 25 Maggio 2006 14 Comments 1 min read
Precedente Successiva

Come vorrei che fosse questo blog?

Vorrei un blog che fosse una comunità di persone, non di anonimi blogger. Persone a tutto tondo che scelgono questo luogo per incontrarsi e conoscersi meglio anche partendo da posizioni e visioni del mondo e dell’amore diverse.

Ecco io vorrei che questo blog fosse quello che ho letto e visto nei commenti al racconto di Mariamartina: "Inventarsi una storia".

Un esempio spiega meglio di tante parole.

© 2006, . Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Blog Riflessioni


Precedente Successiva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Invia commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. Mi spiace ma io ho percepito la pretesa del commento, evidentemente sono io? Resta comunque il fatto che in un salotto c’è chi parla tanto e chi invece qualche volta, l’importante è che lo faccia con il cuore. Per il resto aspettarsi la partecipazione attiva dei componenti del blog è sacrosanto, io non ho mai detto il contrario (ho sbagliato pure ad esprimermi?). Rifletterò che dire? Ad maiora. Un caro saluto.

  2. come una grande piazza….dove trovarsi, capire, dove dire la propria in massima libertà…

    Non credo che Robert abbia detto nulla di assurdo…le modalità sta ad ognuno di noi sceglierle…

    E’ da un anno circa che sn in rete in maniera assidua…ed ho trovato il confronto diretto cn commenti e affini, motivo di crescita…imput…per migliorarsi…

    Le critiche vanno accettate come i complimenti, …in questa grande e colarata varietà di menti che siamo…

    Un grande arcobaleno di caratteri poetici…che amo.

    Vi abbraccio tutti

  3. Cara Adelaide,

    sinceramente non so da cosa trae origine il tuo commento.

    Io non organizzo gare di nessun genere. Lo stesso Concorso di Emozioni, nato quasi per provocazione un paio di anni fa, rispetto a tanti altri premi e concorsi più o meno truccati della nostra bella Italia, come molti sanno non è affatto una gara, non ci sono classifiche, né premi né prebende di alcun genere. C’è solo il piacere di partecipare e di condividere emozioni.

    I commenti io non li pretendo ma, detto con molta sincerità, me li aspetto come chi organizza un convegno e si aspetta interventi, organizza uno spettacolo e si aspetta applausi (e possono essere anche fischi), crea un salotto e si aspetta opinioni.

    Ve lo immaginate un salotto con persone mute? Anzi, credo che quand’anche delle persone avessero perso il dono della lingua, nella realtà, pur si scambierebbero dei segni per manifestare apprezzamento o meno sulle cose lette.

    Siccome ce ne sono molti in giro, di questi salotti “muti”, noi qui invece vogliamo ascoltare sempre un coro di “voci”, come la tua che abbiamo imparato ad ascoltare ed amare.

    Una rosa per te - Manuale di Mari

  4. il confronto è un elemento fondamentale nei rapporti interpersonali e visto che internet altro non è che un surrogato di mondo, trovo giusto lasciare il proprio pensiero lì dove sorge.

    io leggo tutto e a dire il vero quando ho tempo vado anche a ritroso per quanto riguarda gli autori che mi danno di più e non passo lasciando commenti omologati in serie oppure buttati lì giusto per.

    io leggo, se sento e quello che sento dico.

    altrimenti vado avanti e leggo ancora.

    credo che robert non faccia pressione su chi passa di qui lascia un post quando può e quando può commenta, credo che robert si rivolga soprattutto a chi, di tempo per postare una volta al giorno se non di più ne ha, ma di commentare proprio non ne vuol sapere…

    credo che il desiderio di robert sia solo avere un grande scambio sollevare dibattiti creare un po’ un riflesso dei salotti letterari. e mi sembra anche carino tra l’altro…

    di pistole puntate contro io non ne vedo 😛

    ti bacio sul cuore robert.

  5. Non ho mai ritenuto questo blog o altri una vetrina, non mi permetterei mai. Ma non posso sentirmi a disagio perché non ho il tempo materiale di commentare decentemente una poesia, anche perché io ho difficoltà ad esprimermi alla prima lettura. Una poesia per me è impegnativa, un racconto no perché ha a disposizione un linguaggio disteso e ricco che facilita. Per un confronto umano qui ed altrove mi devo sentire a mio agio, e questo significa confrontarmi anche e soprattutto con le critiche ai miei scritti, col non sono d’accordo con te. Io ho definito questo blog un punto d’incontro per “conoscersi e farsi conoscere”. Ed è già una comunità, e come tutte le cose deve fare il suo percorso di crescita, ma nel rispetto di tutte le sensibilità presenti, anche di quelle che non riescono a timbrare regolarmente il cartellino… 🙂 ritenetevi sbaciucchiate in fronte… :-p

  6. Sono d’accordo sul commentare ma non se non ci si sente: non è una gara, anzi diventa un incubo la continua pressione a chiedere i commenti (opinione personale).

    Riguardo al voler commentare anche le poesie o le immagini che non ci comunicano nulla o avremmo preferito diverse, (praticamente scriviamone una noi come ci pare e piace e facciamo prima!) lo accetto, anzi è di stimolo a crescere e cercare di dare il meglio… sempre che chi ha espresso il suo libero commento negativo, accetti lo scambio con l’autore che non sempre accetterà qualsiasi cosa gli si dica.

    Impossibile leggere tutto e commentare tutto se non si hanno ore a disposizione…il bello dei blog a più mani è l’opportunità anche di scegliere o meno chi e cosa leggere; il “brutto” è che si pubblica talmente velocemente da non aver sempre il tempo di gustare con la dovuta attenzione, anche rileggendo, i pezzi migliori.

    *****Per Robert*************

    Questo commento lunghissimo, vale 10 commenti brevi :-)))

    se non ci fosse il rapporto d’amicizia che c’è fra te e me, per il poco tempo che ho, i commenti qui li farei una volta al mese alle persone che ho imparato ad amare.

    **************************

    bacioni a tutti, buona serata. Manuela

  7. Cara Adelaide,

    tu mi piaci molto e per questo mi dispiace contraddirti. Il Blog degli Autori, da quello che mi è sembrato di capire dalle parole di Robert, vuole essere una Comunità degli Autori.

    Che senso ha un posto, per quanto bellissimo, dove si trovano scritti seppur bellissimi, ma esposti solo come vetrina con poco riverbero negli altri autori?

    Anche io partecipo a dei Blog vetrina, e mi intristisce molto quando, dopo aver posato lì una mia opera, cade nel niente e difficilmente ottengo un miserucolo commento.

    Che senso ha d’altra parte dire “Bello questo, bello quello”, quando una cosa non ti è proprio piaciuta e solo per quieto vivere e per essere sempre e solo amato/a tua volta non si esprime il proprio vero punto di vista?

    Come ci si confronta se rimangono solo belle copertine esposte senza che nessuno le guardi od osi dire qualcosa anche di negativo in proposito?

    Basterebbe veramente poco. Basterebbe che ognuno degli autori che pubblica qui giornalmente, commentasse le altre opere pubblicate lo stesso giorno, o almeno la metà…

    Ed invece qui ci sono autori – bravissimi ed adorati dalla sottoscritta – che posano la loro opera e scappano via…

    Io ci rimango male…

    Ma la mia non è una ricerca di attenzione, la mia è una ricerca di confronto….

    Un bacio forte a te e a Robert

  8. Vorrei dire qualcosa a proposito, forse dissentendo di molto non so. Non siamo bloggers anonimi, ma siamo estranei che trovano nella poesia un punto d’incontro, per conoscersi e farsi conoscere. Internet facilita l’informalità, ma è anche vero che molte cose non si distinguono. Ho letto un post tuo Robert, dove “premi” chi lascia più commenti. Io mi trovo bene qui, scrivo e posto di mio e quando posso, dico quando posso, lascio un commento agli altri. Non a tutti perché non ce la faccio. E del resto non ho mai contato chi e quanti commenti vengano lasciati ai miei scritti, neanche nel mio blog personale. Non mi pare ci sia un concorso anche su questo no? Se vuoi un blog come hai detto tu, allora devi lasciare a chi partecipa la possibilità di “non riuscire a commentare” senza doversi sentire quasi in colpa. Mi scusa se sono stata indisponente in qualche modo, ma non è la prima volta che mi sento quasi a dover giustificare una mia labile presenza dei commenti su questo blog. un abbraccio. Adelaide.

  9. Farò del mio meglio per diventare più litigiosa e rompi eccetera….;-)

    A parte gli scherzi, concordo pienamente con le tue posizioni….

    Un bacio

keyboard_arrow_up