folder Filed in Senza categoria
Eternità dell'attimo
QueenIshtar comment 5 Comments access_time 1 min read
*
Morbido incontrarsi
sul filo della carne umida di labbra schiuse,
attraenti rose.
Fruscio leggero di palpebre
che sigillano nel loro chiudersi,
il divino che l’occhio non vede.
Ma che il cuore spalancato
raccoglie
e recide.
**
*
Psyché

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Amore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Pubblica il commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. Eppure è fragile questo momento se il cuore può reciderlo, anzichè, così spalancato, accoglierne l’essenza vera ed eterna. Così l’avrei pensata.

    Comunque brava. Un abbraccio.