folder Filed in Poesia
Canzone dell'amante
QueenIshtar comment 9 Comments access_time 1 min read

 
*****

Melodia s’infiamma nell’ oculi belli gemelli di sole. 

Pietra dura dentro il pozzo della morte,

miele d’alveare per sentieri senza porte.

Nella grazia, nella carne, nella fiamma, nello spirito.

Amor che barriera disconosce,

come gemma cresce.

Si schiude come aulentissima rosa, d’Alcamo,

riluce sempiterno balsamo del cuore.

Ed ape aperse l’ali con la muta ragione,

senza magione.

Anima ch’Anima chiama,

mai distante da chi s’ama.

Passante di cielo è nube,

e fibbia dorata la mano tua

che le chiome scioglie

e raccoglie quieta lo zampillare di luce fioca

del sorriso che sullo sguardo posa.

E l’ombra mai osa tediare l’albore cortese

che nella culla del corpo riposa,

senza pretese.

V’è pretesa nella luna d’invader il giorno?

V’è pretesa nella cieca Dea Fortuna d’avanzar la vista?

Amor mai cerca risposta. Amor è domanda che conquista.

Vibra tremulo nei raggi del pianeta

e non favella vane parole,

da solo già si basta,

non altro suole.

Vibra silente

resurrezione d’empireo incanto,

ch’ha un solo nome,

una sola lingua

un solo canto.

 

Psiché

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Amore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Pubblica il commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. Empireamente incantato sosto sui tuoi versi dorati.

    Che fortuna per noi conoscerti e leggerti qui.

    “Anima ch’Anima chiama,

    mai distante da chi s’ama.” E’ un verso che Petrarca avrebbe fatto suo senza pensarci due volte.

  2. Una perla tra le perle tue più preziose che generosamente ci doni.

    Un autentico capolavoro!

    E’ un canto d’amore antico quello che i tuoi versi declamano, reso ancor più nobile dallo stile aulico.

    La leggo e la rileggo, perdendomi nelle atmosfere d’altri tempi che tanto amo e che sì profonde emozioni suscitano in me.

    Grandissima Irene.

    Un applauso lungo un giorno per te

    Con ammirazione e affetto, dolce amica e sorella

    Maya

  3. “Anima ch’Anima chiama”

    Complimenti, veramente una poesia di ricercata dolcezza… parole desuete a sottolineare sentimenti ed emozioni eterne… dolcissimo il ritorno di rime, non sempre cercate, ne forse volute, che regalano quella musicalità a me tanto cara…

    Da rileggere ed apprezzare. Bravissima.

    Migratore