folder Filed in Poesia
oltre
Nereine comment 4 Comments access_time 1 min read

E fu nei vetri che ci confondemmo le ali
           – nelle pietre e nell’oro –
ché di poco sarebbe il ritorno in queste mura
dritte e piegate in vita come donne succinte di vergogna;
        è forse questa la tua ombra nelle mie mani?
Saprei fingerti e dipingere
ché di occhi ne ho tanti da contare ad ogni goccia
ad ogni ventre e bambina sgomenta
        per ogni infranto sepolcro,
        con questi rami colti nell’anima
nel cercare i luoghi dove sradicare, dove cogliere
ché sì, un dolore va colto
come un torrente che non sa di fermarsi
        e s’arrende e stende l’ancora sempre più giù,
ai gradini del mare. Avrò lì da raccontare al giorno
come divenne notte e, come notte fu, seppe il giorno tornare
        e dimeno l’ala nel torcerti
        e nel picchiarti dentro come una cochiglia dal mare
nel raggiungere gli scogli: è forse lì l’ancora,
        è forse lì che fummo schiavi
da gondolieri sorretti da onde al pensiero del sole. E lì muoio
con l’orlo dell’anima all’uscio
        per non scorgere oltre.

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Amore Sentimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Pubblica il commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. hai un potere che non tutti hanno, quello di catturare totalmente l’attenzione.

    non sfugge una sola parola, un solo segno, un solo senso.

    e ti fai leggere piano, cosi piano da restare dentro.

    bellissima

  2. Il tuo è un fiume in piena…un travolgente parlare dell’inconscio che merita più di una rilettura…

    Bella e densa, talmente densa che possono sfuggire molti significati se si legge solo una volta…