menu Menu

Lontani

Ti vedo nel colore del mare, nel dolore di ogni stelo di bergamotto e ogni foglia col cadere in gocce acide ai miei piedi, ai francescani regalati dove altre terre non mi vollero, se non con altro nome; – seppur fu tutto una bugia, un inchiostro lavato con le mani raccolte nel senno delle madri […]

Continue reading


Da demone o angelo bugiardo

Da demone o angelo bugiardo, da chiara malinconia, pietraficata nel ventre, apro gli occhi e ogni pelle asciutta adorna piano prima un angolo della memoria e, in fila indiana, l’altro; siamo così belli ai laghi, ai cieli; benché sia solo una storia, il giorno di ieri già privo m’è stato ritorno, piega d’un onda già […]

Continue reading


quasi per morire, qualora fosse notte

E non so se cantare a volte sulle spoglie montagne di routine, per ore, a condire nei dialoghi l’ego asciutto quasi per morire, qualora fosse notte e talvolta è stata tale l’ora – ricordo ancora,             ricordo slave rugiade e torrenti             di povere parole, con gli sguardi             a volte qui, a volte altrove, […]

Continue reading


il grido

    Sorseggio le ore mentre corri nel pensiero e fingi ché di Ave Marie ne abbiamo dette tante sotto i ponti, con le briciole sui muri         a masticare con le ombre che ballano         con i guanti che calzo per intrattenere; – quanto sangue scorre e quante grida –         nel ventre, madre mia, […]

Continue reading


oltre

E fu nei vetri che ci confondemmo le ali           – nelle pietre e nell’oro –ché di poco sarebbe il ritorno in queste muradritte e piegate in vita come donne succinte di vergogna;        è forse questa la tua ombra nelle mie mani?Saprei fingerti e dipingereché di occhi ne ho tanti da contare ad ogni gocciaad ogni […]

Continue reading



Previous page Next page

keyboard_arrow_up