Fremiti sulla pelle,
tocchi di medusa,
dita di pianista folle.
Un fluire di note:
le tue carezze.
Volevo quella musica,
la volevo senza tregua.
Corde di violino
i miei gemiti vibranti,
striduli, fastidiosi.
Urlavano PRENDIMI,
NON FERMARE LA MUSICA!
Non lasciarmi così,
trova le giuste note
o questa sinfonia d’amore
rimarrà incompiuta.

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

12 thoughts on “Sinfonia incompiuta

  1. Ho sempre avuto un debole per i musicisti: “dita di pianista folle” è il verso che preferisco, anche se io scriverei chitarrista la posto di pianista, ma questo è solo un gusto mio personale… i “tocchi di medusa”? Acido solforico, bruciore, dolore… e piacere insieme. L’idea di una musica incompiuta è geniale, mi piace!
    un bacio, Irene

  2. Bella la similitudine tra amore e sinfonia. Note che diffondono, come ha scritto anche GiardiniDiMaya “la musica dei sensi”.

    Nicla Morletti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine