Sono una rondine che ha perso la strada,
senza indizi né mete in un cielo infinito.
Ho perso lo stormo nero in volo irrequieto,
la polvere scura sul fazzoletto d’azzurro
e i semicerchi invisibil nel cielo di vetro,
e le ali frenetiche,
lo stallo e la ripresa di quota.
Non restano che le coordinate imprecise
di un sole straniero e i raggi stanchi
a trafiggere un cielo pesante
che tendono deboli funi,
verso un tetto di nuvole accese.
Ho perso te
e ho perso la strada
imbrigliata in questo cielo assente
tra ragnatele di luce
e fili d’ombra come altalene.

© 2006 – 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

Archived in Senza categoria and tagged . Bookmark the permalink.

5 thoughts on “Ragnatele di luce

  1. Non dimentichiamo di avere le ali, di essere capaci di spazzare le nubi perchè è in noi la capacità di trasformazione e di ricondurci dove soffia amore.

    Poe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine