Sommerge ogni mio sguardo
il camminar su antica pietra
primo palpito da mano
che altra mano cinse preziosa.

Il vento di gennaio
è nell’ossa mie consolidato
che di freddo s’accendono ancora
a violentar tagli di ricordi.

Cola tra le vene libero
quel brivido che consumò l’ore
di sudore ad abito percorse
e d’Amiata in tasca conservate.

Lievita tra i battiti del tempo
il mio pensarti nuda
svestita dal fremito consumato.

Amor di carne ed anima
in labbra a confessare voglia
a verniciar di cielo ogni sospiro.

Il tornare al tuo respiro calmo
è nel mio fuggire i giorni
unico ostacolo a liberar la mente.

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

6 thoughts on “Vento d’amor perduto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine