Mela matura

L’occhi tui belli svotano er cervello
quanno che puntano li mia, diretti.
Dicheno tutto, me parleno de quello
che co’ e parole nun te lo permetti.

De chi sei so’ specchio, descrizzione,
‘n libbro che se legge a ‘n fiato solo,
che ricconta tutto, senza ‘na finzione:
l’anima tua è da lì che spicca er volo.

Viene ner core mio e la carne accenne,
strizza le vene e m’arza la pressione,
portanno in tiro quello che me penne,

riaccenne er foco e puro la passione …
mela mia matura, me so’ ammaliato
de te e der sapore tuo esaggerato!

Ultimi post

Altri post