Quaggiù l´autunno tuona nella bruma
tra le coltri e le fornaci del traffico
Non è brace e cenere che scalda
e tu speri in quelle brecce nel cielo
che a mattina il sole solleva e mitiga
mentre lontano un ventare s´insinua
sopra fruscii, fiati d´ocra e d´ottoni   

Ma tu analfabeta imballi parole
con un ostile sguardo ti nascondi
in nicchie di mattoni
– la tua chiassosa assenza –
ed ora che é mattino il sole lega
gli attimi d´ignoti amanti notturni
– notte teatro dei nostri rottami
coi suoi profumi di trine e nastrini –

E potresti abitare un nuovo mondo
onde muovono in nudo splendore
tragitti d´anima
quando la piena s´acquieta e sorge aereo
il respiro del suolo

Là soccorre uno zelo di silenzio

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

One thought on “Nuovo Mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine