Anche tu sei la luce
che rischiara od offende
dallo scuro socchiuso.
 
Anche tu sei la voce
su deserti e su piazze
che urla o sussurra.
 
Anche tu sei l’odore
di canicola estiva
o di terra bagnata.
 
Anche tu sei il sapore
del miele e del fiele
che stilla il respiro.
 
Anche tu sei impressione
di cedevole vello
o di carta vetrata.
 
Anche tu sei la melma
su cui scivola il piede,
sei la stella al crepuscolo,
 
sei l’ondata veemente
che s’infrange sul porto,
sei la luna sul colle.
 
Anche tu sei l’appoggio
sei il fulcro dei giorni
appagati o sbandati.

Anche tu come me.

© francesco ballero – 2005

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

5 thoughts on “Anche tu

  1. Immagini di grande fascino tra i versi di questa tua poesia in cui l’anafora diventa il mezzo per esprimere un sentimento autentico e palbabile.

    Ti leggo sempre con grandissima gioia ed emozione

    Con grande stima

    Maya

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine