Le parole del mare

Articolo precedenteGrandmother’s House
Articolo successivoL’ONDA DEL SILENZIO

– Sai, mare? Oggi lui è partito.

Nel mio cuore il gelo è sceso

e sono venuta da te a cercar tepore.

La tua cadenza rasserena i battiti impazziti.

(sospiro)

– Fanciulla, non potevi trovare

cuna migliore per ristorare l’anima.

Sai, io dall’alba dei tempi

conosco i tormenti degli amanti.

(risacca)

– Il fluire delle tue onde

mi richiama alla mente la sua voce,

delicata e possente al tempo stesso.

E la sua pelle, e i suoi capelli, e la sua schiena.

(piedi nell’acqua)

 

– Bagnati pure, fanciulla ferita.

I tuoi piedi per me sono pinne di sirena

e il tuo pianto risana l’acque insane.

Che il mio umile canto si unisca al tuo.

(flutti si frangono)

– Oh, come davvero vorrei esser sirena!

E la mia voce lo indurrebbe a tornare,

e l’abbraccio dell’onda, d’intesa coi miei arti,

fino a lui mi scorterebbe per incanto.

(corpo s’immerge)

– E allora vieni, fanciulla prode,

farò da traino al tuo corpo ondoso.

E se l’amante t’avrà scordato,

dell’Uomo-Onda sarai spuma e sposa.

(alta marea)

Immagine di Josephine Wall                   

Etain

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

16 Commenti

  1. cara Etian…che dirti? E’ un pezzo che non ha eguali, meraviglioso e allo stesso tempo originale. E dire che eri così insicura.,.ma perché? Hai un talento straordinario e non lo dico solo io…quindi per favore, regalaci ancora queste emozioni! Concordo con la proposta di Robert!

    Un abbraccio Eufemia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine

© 2020, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti