Ascolta la sua voce

Come scossa di corrente,
infuocato, incandescente,
avviluppa la sua preda,
ancor pirima che la veda.
Proverai sulla tua pelle
il suo tocco vellutato,
il suo soffio delicato,
la sua polvere di stelle.
In un volo senza ali,
tra diamanti, gemme e opali,
sempre li sarà, al tuo fianco,
spumeggiante come il mare,
ti cullerà quando sei stanco,
solo per poi ricominciare.
Già ti segue da lontano,
non ti abbandona un solo istante,
pronto a prenderti per mano
con effetto devastante.
Da un raggio di sole si farà trasportare
quando alla tua porta verrà a bussare,
dalla sua bellezza ti lascerai ammaliare
e non vorrai più lasciarlo andare.
Chiamalo soffice, dolce tepore
oppure semplicemente chiamalo amore.

Immagine: Amore eterno di Alfred Gockel

Ultimi post

Altri post