Scendono impietrite e non colate
Le frasi d’un amore pronunciate
Come fai a dire che sono tramontate
Che è meglio niente che centellinate

Tu sei troppo impervia nel pensare
Cercando n’altro amore per uscire
Era poco il tempo che Ti potevo dare
Ma volevi tutto ed ora vuoi mollare

Allora eccoti i cristalli del mio sale
Godi forse troppo il farmi stare male
Sapore di dolore da malato terminale
Mentre adesso l’altro sale le tue scale

Occupando il posto ch’era mio nel cuore
Che ora non farà mai più quel bel rumore
Come in frenesia del nostro grande amore
Sarà solo un palliativo, ed a me tanto dolore

Edo e le storie appese

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

6 thoughts on “Cristalli del Mio sale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine