Le mie sorelle hanno nei capelli la luce della notte per brillare,
hanno spalle larghe per gli affanni, lacrime da versare,  sorrisi da donare.
Hanno rose rosse sul petto e un giglio nella mano,
conoscono i sentieri nel deserto, i passaggi per andare lontano.
Donne, sorelle sole  unite oltre poderose mura,
solcano con vigore le profondità del mare, trasformano la paura.
Volano come falchi verso il calore del grande astro,
si purificano nei colori che accendono il melograno,
colorano d’alabastro.
A piedi scalzi al levar del giorno danzano
sulle lacrime della notte sparse sul verde manto,
fortunata è chi può stringersi alle altre, far scivolare libero il canto.
Donna, sorella, sopra ai pensieri avvelenati volteggia,
ai grigi tormenti che gravano l’esistenza,
scova rinforzo, come fanno le api,
in chi, come te, sa ascoltar la voce della ginestra.
Dicembre 2007

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

4 thoughts on “Le mie sorelle

  1. Stupenda! Delicata come solo una donna sa essere, armoniosa come il cuore sensibile della creazione… una danza dello spirito… nell’universo infinito.
    Piaciuta!

  2. Sono elementi naturali le sorelle. Come vento, aria, stelle, sono la natura stessa in questi bei versi.

    Mi piace molto quel “far scivolare libero il canto”.

    Benvenuta nel Blog degli Autori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine