Giorgio Panero

Raoul di Giorgio Panero

L’incontro - 1937. La primavera - Avevo otto anni quando incontrai Raoul, per caso; era il soggetto, l'artefice di quello che io guardavo, il suo lavoro. Un lavoro umile - spaccava i sassi ! -, per renderli assimilabili alla massicciata che si sarebbe formata e consolidata col passare dei carri. Senza darlo a vedere si era accorto della mia presenza e dimostrava di accettarla. Fu mio l'imbarazzo e...

Ultimi articoli

Libri per San Valentino 2024

💖🎁 Idee regalo per San Valentino? Scopri i consigli di Manuale di Mari nella Speciale GALLERIA DEI LIBRI DA REGALARE! 📚 🔗 Visita la Galleria...

Separati da raggi dispersi di Marco Mastromauro

L’immagine di copertina è un’opera di Dante Zamperini intitolata Irradiazione che ricalca il titolo dell’opera poetica Separati da raggi dispersi di Marco Mastromauro con...

Non mi dimentico mai di chiamarti amore

Incisive le metafore, fluenti i versi, musicale il testo. La silloge colpisce per la sua intensitĂ  emotiva e per la sua capacitĂ  di fondere echi del passato e sensibilitĂ  contemporanea...