blusfumato

..scrivere la propria anima è un po' come spogliarsi, e rileggersi è ritrovarsi nudi di fronte allo specchio

Il canto dell’anima

Paraplegico con la sindrome di Down. Sono così dalla nascita, per i medici non dovevo neppure nascere. Mia mamma mi ha voluto a tutti i costi, diceva che mi amava, che comunque ero il frutto del suo amore e di quello di mio padre, di quel bastardo che quando ha saputo com'ero è fuggito dalla nostra vita per cercare di farsi compatire da un'altra donna, ed avere con lei una famiglia normale. Normale. Normale. Così eccomi...

Lenzuolo di seta

Lenzuolo di seta. Come me su di te. In ogni tuo spazio provoco un brivido. Labbra. Le mie su di te. Fremitanti respiri si cercano. Io dentro te, in ogni tuo...