Adelaide_Spallino

L’inverno alle porte

Ombre sottili agguantano il sole di un lancinante mattino. Sarà il vento del nord nella tua voce che gela il mio sorriso e nei miei passi ho nascosto un addio. Guarda, mi hai raggiunto appena che già la nebbia ci scivola addosso separandoci con tacita coltre. Così attendo il tuo volo migratore su me. Oltrepasserai la linea in fondo ai miei occhi prima ch'io abbia potuto ancora sognare di toccarti il viso o darti un solo lungo bacio sulla bocca.

Spleen

Ultimi articoli

Libri per San Valentino 2024

💖🎁 Idee regalo per San Valentino? Scopri i consigli di Manuale di Mari nella Speciale GALLERIA DEI LIBRI DA REGALARE! 📚 🔗 Visita la Galleria...

Separati da raggi dispersi di Marco Mastromauro

L’immagine di copertina è un’opera di Dante Zamperini intitolata Irradiazione che ricalca il titolo dell’opera poetica Separati da raggi dispersi di Marco Mastromauro con...

Non mi dimentico mai di chiamarti amore

Incisive le metafore, fluenti i versi, musicale il testo. La silloge colpisce per la sua intensità emotiva e per la sua capacità di fondere echi del passato e sensibilità contemporanea...