La luna è caduta
era appesa ai fili dei miei sentimenti
dietro un sipario di indifferenza
ad uno ad uno si sono spezzati i legami
la luna è caduta
sembra ieri quando dondolante nel blu
illuminava le mie notti insonni
i mie sorrisi imbelli
dietro siepi di rose scarlatte
la luna è caduta
e tu non te ne sei nemmeno accorta
raccogli strali di spine
senza sorrisi ti pieghi al sonno
e nell’oblio solo il tuo fastidioso respiro
la luna è caduta
ed io non la raccogliero più.

Tony Fontana
gennaio 2007

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

4 thoughts on “La luna è caduta

  1. Originale, indubbiamente originale!
    L’anafora del primo verso dona alla lirica una melodia insistente che si addice perfettamente al contenuto.

    Bel lavoro!

    Marilena

  2. Quando la luna cade sembra di non volerla raccogliere più, poi un giorno ci si accorge che non sempre tutto è così ben definito e si allunga la mano verso un’altra luna…

    Molto bella questa ‘luna caduta’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine