Hai ucciso il Mostro.
Grande Teseo!

Nel ritmo delle parole e dei gesti
il travaglio di un cammino
pestato su pietraie
e poco tempo per riposare.

Volentieri abbandono
quelle terre.

Ora riesco a scorgere
la fine della strada
avviandomi
a raggiungerla.

Io che non sono
un’ Arianna perfetta.

Conquisterò con te dolci declivi
di morbide colline
lasciandomi dietro paludi
e deserti senza oasi.

Nessun filo si è spezzato:
hai trovato la stanza
del Minotauro.
Grande Teseo!

Macchie marroni i miei occhi
specchi di Provvidenza.

Ecco, adesso posso lasciarmi andare
al torpore lieve di questa notte.
Tacere, caduto il velo
per parte di Verità.

Tienimi stretta, nel silenzio
di orme e di pensieri.

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

7 thoughts on “Lettera a Teseo

  1. @Marilena
    La Poesia è uno splendido strumento di ricerca interiore.
    Le risposte che vi troviamo, seppure parziali e mai definitive, danno ritmo ai nostri passi e colore alla nostra voce.
    L’incontro, in questo cammino, con persone come te, come voi tutti, disposte ad ascoltare,a condividere, rappresenta per me, un’altra di quelle risposte, l’ossigeno necessario del respiro per arrivare alla Verità.

    Grazie.
    I.

  2. Terra di nessuno ha un dono particolare: rendere questi miti in chiave moderna in modo impeccabile.
    Fare rivivere queste storie, farle proprie perché possano offrire risposte alle nostre domande, seppure parziali risposte e forse mai definitive.
    Mi piace molto l’immagine dei tuoi occhi come macchie marroni, specchi di Provvidenza.
    Ma più d’ogni cosa, la chiusa:
    “Ecco, adesso posso lasciarmi andare
    al torpore lieve di questa notte.
    Tacere, caduto il velo
    per parte di Verità.
    Tienimi stretta, nel silenzio
    di orme e di pensieri”.

    Togliere il velo alla realtà per vedere quale è davvero la realtà!
    Questa è poesia!

    Meriti un 5 e un grande abbraccio per questa emozione che mi hai donato!
    Marilena

  3. Arianna trova la pace nella ricerca dell’uscita. Dal labirinto della vita.
    Abbandona gli attaccamenti e libera
    il Sapere. Per elevarlo al rango di Conoscenza.

    Ciao Robert e, grazie!
    I.

  4. Arianna senza pace. Nel labirinto della vita.

    “Quando desideri qualcosa con tutto il cuore, sei più vicino all’Anima del Mondo, che è sempre una forza positiva” (Paulo Coelho, L’Alchimista)

  5. Cara Terra di nessuno, sei nel viaggio dell’amore verso la Genova del ‘500? Poi approderemo a Venezia,
    tra le note dei menestrelli sparsi per le vie, arriveremo a Santiago De Compostela. Il vento ci porterà tra le sabbie del Takla – Makan, nella catena del Kun Lun, fino a raggiungere il grandioso albero del Tibet di Kounboum, l’albero delle diecimila immagini e caratteri. Poi per la Via della Seta e nei villaggi musulmani nella stagione della raccolta dei fiori. E poi esporeremo ancora l’io più profondo. E il cuore, dove è racchiuso il segreto della natura e delle cose. Buon viaggio, dolce Terra di nessuno e… A presto!

  6. Un bacio a te, Nicla, e un grazie per la tue parole. E null’altro.

    Ho iniziato il viaggio verso la Genova del “500, nella Storia e nell’Amore.
    Speriamo di rinnovare, presto, il mirabile Simposio con te.

    Con sincera stima,
    I.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine