menu Menu
cecità
Di SlackerBithc Pubblicato in Poesia on 8 Febbraio 2006 One Comment 2 min read
Precedente Successiva

dimmi, di che colore è il cielo oggi?
ieri era azzurro… oggi?
dimmi, di che colore è il cielo oggi?
la cecità logora il cuore,
ma ci sono cose che lo disintegrano
ci sono cose che ti annullano.
non vederle mai,
non viverle mai,
scappare,
essere ciechi…
allora mi dirai di nuovo di che colore è il cielo.
dimmelo ora ed ancora.
nella cecità della gente ci si può nascondere,
nella propria cecità c’è troppo da vedere…
ci sono persone che ti prosciugano l’anima;
ci sono cose che ti prendono dalla parte più profonda e vulnerabile di te.
quelle cose ti uccidono piano, senza fare rumore
quello che rpovocano non puoi dirlo a nessuno…
non puoi dirlo a nessuno…
a nessuno…
nessuno.
così chiedi un altro istante in più da rubare alla certezza di due amanti che sanno di aversi.
così cominci a correre mentre desideri fermarti…
mentre desideri voltarti…
mentre desideri stringerla forte a te…
mentre lei svanisce…
corri.
ci sono persone
e ancora
ci sono fili
fili e persone
tutto fugace ed illusorio,
è tutto sempre troppo fragile…
ci sono piccole-grandi cose che spezzano lentamente tutti i fili uno ad uno..
in silenzio…
così finisce tutto e tu non lo sai ancora…
così tu corri e lei svanisce…
così tu corri e vuoi stringerla a te mentre svanisce…
così tu corri e non puoi più fermarti
e non puoi più voltarti
non puoi più stringerla a te.
perchè il tempo è passato…
tutti i fili sono spezzati
lei è svanita con la neve quando è sorto il sole
e tutto cade come petali di rosa
che dolcemente si infrangono sul suolo
ed innalzano al cielo tristi frammetni di una fugace illusione…
e mentre salgono al cieloazzurro attraversano il tuo corpo…
attraversano i tuoi occhi e ti donano la cecità…
poi raggiungono le stelle e le spengono una ad una
fino a far svanire il sole sotto nuvole gelidamente grigie.
ora dimmi, di che colore è il cielo oggi?
dimmelo ora…
dimmelo ancora.

© 2006, . Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.


Precedente Successiva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Commento all'articolo

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. molto bella questa lirica, come un monologo d’altri tempi… Appena ho un po’ di tempo correggo alcuni errori di battitura.. Molto bello anche il tuo Blog.

    Grazie per il tuo post, ti chiedo però gentilmente di lasciare anche qualche commento ogni volta che vieni qui. Ci sono testi di altri autori che meritano attenzione. Così manteniamo vivo questo posto come Blog oltre che come raccolta di poesie e racconti. Solo qualche minuto in più… Ok?

    A presto :))

keyboard_arrow_up