Immagine di Fabrizio Castorina

Lasciati andare
in questo infinito, ignudo tempo.
Solo noi due
da ogni parte il vuoto.
Unicamente io e te
distesi sulle ali dei desideri
fasciati nel fiabesco gioco dell’amore.
Plasmano il mio corpo le tue mani
armoniosamente lo forgiano,
teneramente lo immortalano.
Di nuovo il tocco delle tue mani
 scaturisce concerto
 di armoniose note.
In questo modo sono viva
nell’equilibrata unione tra anime
e corpi
Sento d’esser tua e tu mio
la tua trepidazione…
 il mio turbamento.
Il tuo battito d’ali, la mia fragilità.
Fusi i nostri corpi si uniscono,
si modellano
 realizzando inesauribile abbandono.

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

5 thoughts on “Solo noi due

  1. “la tua trepidazione…
    il mio turbamento.
    Il tuo battito d’ali, la mia fragilità.”

    Una descrizione suggestiva e sottile che mette in luce le caratteristiche di due cuori che s’amano e che si fondono…

    e
    “si modellano
    realizzando inesauribile abbandono”.

    All’inizio leggendo ho trovato una descrizione trita e ritrita di un amplesso, ma la chiusa è stata per me eccezionale e stupefacente per il risvolto delicatissimo e psicologico… quindi complimenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine