IL RITORNO         

… so cosa sente una donna quando Lui ritorna, e non è debolezza: è speranza che cresce dentro e si gonfia fino a diventare immensa come il mare, un’altra resa senza condizioni. E non puoi, non devi resisterle! Subito però si trasforma in delusione, dolore così forte da rompere tutte le ossa, da lasciare immobili e disperati. E Lui, già lontano, sta cercando qualcosa che era lì, da te, con te, in abbondanza, in eccedenza. Ma Lui per inesperienza, per ingenuità, non lo sa ancora e lo cerca altrove: il punto d’arrivo, non sappiamo se mai raggiungibile, di tutte le sue ricerche sei tu. Ma Lui non lo sa, e chissà se lo scoprirà mai… Vorrei che tu fossi Penelope … e Lui Ulisse … ma chissà se lo sarà mai! Io lo sarei stato, anzi, non Ulisse, ma Ettore o Enea ! Non avrei cercato altrove quell’ ”altrove”, quel tutto che è già lì, gigantesco, presso di te, tra le tue braccia …

SFreud

© 2006 – 2014, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

3 thoughts on “IL RITORNO

  1. E’ un bellissimo pensiero, e soprattutto vero.

    Certi uomini non sanno vedere e afferrare la grandezza di certe donne. E quando se ne accorgono è sempre troppo tardi. 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine