Lungomare di Bari

Lungo il mare
Ho camminato stanotte
E nel rifluire delle onde
Ho scorto per caso
Il tuo vero spirito,
Marea che sali invocata
Come i flutti tu sei
Infinita e imprevedibile
E la tua semplicità è un inganno,
Nessuno tocca i tuoi abissi,
In fondo al tuo cuore
Giace una indomabile tristezza.

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

3 thoughts on “Lungo il mare

  1. Ciao Robert, credo che questa tristezza o malinconia che permea le nostre anime sia linfa vitale per le nostre parole. Se non ci fosse forse non riusciremmo ad avere quella sensibilità che ci permette di vedere sfumature impercettibili ai più.

    Sempre bello leggerti.

    Un saluto.

    Giò

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine