Io sono lì dove tu sei
Sono sempre tornato
Aspettavo il vento
che gonfia la vela
del mio cuore stanco

Anche nelle notti più scure
marinaio solitario
non ho mai smesso di cercare
la Stella che disegna
la perduta rotta

Ora che tendi verso di me
un raggio di luce tanto atteso
io non vedo intorno a me
altro che un orizzonte infinito
E sopra di me, un cielo scuro

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

5 thoughts on “Aspettando il vento

  1. Scopro in te delle metafore che “appartengono” anche al mio immaginario…

    Il mare…

    La vela….

    Forte assonanza di idee, unione di sentire…

  2. I chilometri di distanza che tu percorri lungo la giornata fanno che potrei navigare a occhi chiusi.

    Adesso dimi dove andiamo?

    NessUno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine