menu Menu
melavvelenata
melavvelenata
Pagina precedente Prossima pagina Prossima pagina

SUSSURRO […]   Piccole colme parole in sussurro di voce fluido denso a scendere sussulto nello stomaco   Liquida calda ferita degli occhi spasmi nel desiderio di abbracci ad asciugare

Continua a leggere


SOSPIRO [di cielo]   Ho steso le mani sul tuo corpo di cielo Impastato con le dita le viscere richiamo di stelle Avvolto le tue membra tra le braccia Odore di paradiso sulla terra   – 26 luglio 2006 –

Continua a leggere


OLTRE [qui]   Respiro – oltre i confini dei volti – i sorrisi decisi e confusi delle nostre anime Sento battere – oltre lo specchio degli occhi – il desiderio delle nostre carni appese ad ossa in movimento verso l’unica meta in questo attimo sospeso – oltre ogni tempo – noi

Continua a leggere


MONDO [sazietà]   Attimi che scivolano lenti Su passi condivisi a calpestare marciapiedi A vivere aria e colori e incroci di volti sconosciuti Calore del sole a bruciare sulla pelle Il mondo che scorre intorno non lasciandoci illesi   Gli occhi nostri a sfiorarsi e poi fondersi E movimenti ritmati di gambe e di braccia Nell’attesa […]

Continua a leggere


CONQUISTA [e fiducia]   Inseguimi con la curiosità che varca i confini della mia carne Invadi il mio spirito Conquista la mia anima Possiedi l’insieme il sangue e la pelle la mia pancia con i suoi istinti le lacrime ed i sorrisi che sai leggere nei miei occhi Entra e fidati dei battiti del tremore […]

Continua a leggere


PRIMA STELLA [averti accanto] Esco dall’ipermercato, tra la gente che cammina veloce. Amo la vita che corre. In questo momento, soprattutto. Sta scendendo la sera. Tra le nuvole che nel cielo si inseguono mosse dal vento, intravedo chiara la luce. Presagio di luna piena da poco sbocciata e ancora per poco nascosta dietro il culmine della […]

Continua a leggere


ATTESA E LUCE [rotaie]   Distanze che lentamente si assottigliano colme dell’attesa di ciò che sarà Sussulti di cuore e di pensieri nella bramosia di quell’attimo dei nostri sorrisi – silenziosi tra la folla – urlanti nell’incontro dei nostri occhi limpidi e felici Null’altro attorno. Solo la luce di te. – 8 giugno 2006 –

Continua a leggere


Fusione Sciogliermi Senza Ritegno Dentro Di Te   – 1 aprile 2006 – L’abbraccio – L’avveramento G. Klimt

Continua a leggere


PRESENZA [lacrima]   Non è dato riempire il mio quotidiano della tua fisicità. Ma senza ricerca e senza attesa, tu ci sei. Dentro la mia anima, le tue parole. I tuoi movimenti tra le mie dita. La tua voce – che adoro – dentro le mie orecchie. Il tuo odore è in fondo, dentro la […]

Continua a leggere


SENZA TITOLO [pienezza] Posare la testa su una spalla e vivere attimi di serenità assoluta. Il sole, presagio di primavera, che urta la schiena. E il mondo sotto i tuoi piedi. Gioia. – 9 marzo 2006 –

Continua a leggere


A TE [grazie]   Perché mi hai insegnato l’assenza che si può tenere con dolcezza tra le dita. L’attesa che può essere preludio di serenità, privilegio delle tue mani.   Perché il pensiero che ti distrae, comunque non ti allontana. Perché non smetti di vivere il tuo tempo ma sai dedicarne a me. Come non […]

Continua a leggere


 AMATO VENTO  [cromoterapia] Un alito lieve di vento si impossessa dei fili d’erba gatta seminata sul mio terrazzo. La luce gialla del sole li investe, si muovono leggeri, come sospinti da mani invisibili e delicate. Il verde brilla di serena pace. Il movimento sinuoso cattura i miei occhi. Penetra le mie cellule, fa muovere i […]

Continua a leggere


CENTIMETRI DI CONTATTO […] Mi siedo a cavallo delle tue ginocchia. Le mie dita sulla tua testa, tra i tuoi capelli. Le tue braccia avvinghiate alla mia schiena lunga e sottile, mi attiri contro di te. Stringi forte. Ogni centimetro di contatto. Fonte di dolce fluire d’eccitazione. Le tue labbra bruciano sul mio sterno. Inarco […]

Continua a leggere


IN QUESTO PRECISO ISTANTE

 IN QUESTO PRECISO ISTANTE […] Mi manca la tua voce. Ho voglia di sentirla insinuarsi dentro le mie orecchie. E penetrare – come liquido denso e caldo – ogni cellula del mio corpo. Nutrimento – 17 marzo 2006 –

Continua a leggere


ETERNITA’ […] T’amo del cielo terso di novembre, passi e dita tra le labbra. Del dondolio di un’altalena sul prato, d’estate. T’amo del panorama da lassù, fiume di parole e mani tra i capelli. Del cibo condiviso, delle ginocchia a cercarsi sotto il tavolo. T’amo dei sogni realizzati, dei sogni coltivati, dei sogni che saranno. […]

Continua a leggere


HO [prima]   Per la morbidezza delle tue dita turbata accondiscendenza venerazione per le tue labbra   Per il sapore del tuo corpo famelica attrazione per i tuoi desideri volontà ininterrotta   Dei tuoi movimenti con i miei  – sincronia perfetta – meraviglia d’innata conoscenza – in me ancor prima di me –

Continua a leggere


CHI SEI [sentire] Su quella sedia. Prendimi in braccio, lasciami sedere a cavallo delle tue ginocchia. Permetti che le mie dita seguano le linee del tuo volto e della tua nuca e del tuo collo. Lascia che, premendo lievi, sentano il cuore pulsare dietro le tue orecchie. Concedi alla mia bocca di scivolare. Ad occhi […]

Continua a leggere


VOGLIA [ora] Sconfinare Senza Pudore Dentro Attimi Che Bruciano La Pelle  Burning Dahlia Emil Schildt    – 13 dicembre 2005 –

Continua a leggere


FUSIONE […]   Abbracciami Annulla l’invisibile distanza tra noi Riempi col tuo corpo i centimetri di spazio che ci separano   Avvolgimi Appoggia le dita sulla mia schiena Premi fino a che le tue mani non diventino mia carne Respira i miei capelli Concedi alle mie narici l’odore del tuo collo ed alle mie unghie […]

Continua a leggere


BATTITI [giornata d’autunno] Passi brevi. Terreno scivoloso. Ricci e castagne, foglie secche, umide a terra. Maledetti tacchi! Maledetti mocassini! Ansimi. Rosso, giallo, marrone e verde attorno. Cielo azzurro, montagne. Sole clemente, della clemenza autunnale che stordisce per quanto è bella. Aria. Respiro. Una chiesa. Difficile esser liberi d’esser sè stessi fino in fondo. Ardimentosi appigli. […]

Continua a leggere


  I MIEI LUOGHI [sensi] Sdraiata sulla linfa vitale, le mani infilate tra l’erba pungente e dolce. Il vento mi tocca con dita decise. Gli occhi immersi nell’intenso dell’azzurro. E cumuli bianchi lattiginosi, colmi di vita e incredibilmente magnanimi. Le narici si aprono. Alla terra, al sole, all’acqua. Al passaggio di animali che non si […]

Continua a leggere


INVITO […] Vivi i confini del mio corpo come mura accoglienti. Niente sbarre alle finestre. La mia carne come casa tua.   – venerdì, 03 febbraio 2006 –  

Continua a leggere


RITORNO [pensieri] Il vagone è pieno. Cellulari suonano. Siedo davanti al finestrino. All’esterno corre la notte. Il buio è colmo di gocce d’acqua che piovono insistenti. Immagino – rifuggendone il pensiero – il freddo fuori. Il rumore del treno, monotono, mi culla. Lo ha sempre fatto. Mi perdo nel susseguirsi identico delle note che il suo […]

Continua a leggere


PACE [piacere]   Distesa sazia nella carne avida Acquietata abbraccio la tua schiena Respiro il tuo collo – addosso – ad occhi chiusi il piacere condiviso Tra le labbra – caldo – il sapore della tua pelle Di nuovo Ti voglio

Continua a leggere


NEL SOGNO […] Senza tregua, invoco la tua presenza Mani legate, senza voce Urlo il tuo nome Senza posa, la mia mente Ricerca la tua forma Solo dolorosa assenza  foto E. Schildt Tired – very very tired…  

Continua a leggere



Pagina precedente Prossima pagina

keyboard_arrow_up