ARAZZI

Articolo precedenteDopo te
Articolo successivoL’ Anima della libertà

Per esperire i tuoi circuiti
ecco il mio vivere
nel susseguirsi
di un sempre senza sosta
Lo spettro del mio senno
ti attraversa
Ignaro tu
occhi spenti nel vuoto
mi mostri il mare liscio
di sembianza
Ma gli spettri, si sa,
non hanno remore
e in quella pacatezza
vedo un panetto in lava
a lievitare
E c’è di tutto
in quelle gallerie che son fortezze
Pinacoteche di largo assortimento
Arazzi, affreschi
ondate di parole
tracciate dagli stormi
che fendono tramonti color seppia
scene di caccia
dame e cavalieri
sangue e gloria
su mari e terraferma
Vita della vita
morte della morte
Amore in bianco nero
che come un guscio d’uovo
protegge e incarta
il pregio nel suo interno
prima di palesarlo
in tutto il suo splendore
E nell’attesa
gli spettri
fan visita ai musei

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

5 Commenti

  1. “Vita della vita

    morte della morte

    Amore in bianco nero

    che come un guscio d’uovo

    protegge e incarta

    il pregio nel suo interno

    prima di palesarlo

    in tutto il suo splendore”

    Bisogna leggere questa lirica pensando a quegli affreschi tipici degli arazzi. Immaginando quelle scene.

    Molto bella.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine

© 2020, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti