Siedo e penso
Una creatura
Dove i suoi occhi limpidi
Dipingono le strade d’azzurro..
Siedo e penso
A quanto lontana
La riva dal fiume
E pure s’incontrano
Lungo la notte
Durante la piena..
Siedo e penso
Come sincero
Il suono armonico
Delle parole..
Penso
A tempi lontani
Quando il Sole
Splendeva
Al calar della sera
Davanti ad una tazza di thè in cortile
E penso
A suoni, profumi e aromi speziati
E grida gioiose
Di bimbi lontani..
Siedo e penso
Ricordi..
Ricordi smarriti
Quando mi tenevi fra le tue mani
E un solo sguardo
Un solo gesto
Spalancavano le porte del paradiso.
E adesso sono qui
Che attendo il compiuto
E penso…
Penso..
Che tutto è giunto
È giunto al confine.
Il tempo è lontano
Ma segna..
Segna
Il confine che varca
La soglia dell’infinito.

24.07.2005

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

One thought on “La soglia dell’infinito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine