Le nuove cose sembrano chissà quali cambiamenti…
Ma in realtà son impercettibili passi e sopratutto sono indecifrabili.
I lampi che compaiono su quella strada dove è sparito il cocchio,
indicano la via da percorrere per tornare all’antico,
alla libertà che s’era persa fischiettando allegre canzonette.
Consegno ancora lettere, scrivo ancora alchimie di versi,
mi specchio ancora nello stagno insieme al mio Verlaine.
Scaldo ancora le mani sulla candela prima di incominciare… Prima tutto questo c’era… Poi è svanito…
ma ora ho scavato quei mattoncini su cui avevo sistemato il cofanetto,
è l’ho ritrovato, in tutta libertà prigioniera di amore.
Perchè l’amore c’è… Ma sarà difficile ora scovarne le rosse sfumature…

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

4 thoughts on “Le nuove cose

  1. COme una prosa ritmica, la tua poesia ha uno stile originale. Si stacca dal solito lirismo e ci offre pregnanti immagini. Mi piace molto quel tuo: mi specchio ancora nello stagno insieme al mio Verlaine.

    COmplimenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine