Forse
era la duna a ridosso
dell’arenile di pietra d’oro
a confondermi,
ma il vento erodeva il silenzio.
Una spuma avvertiva
la sentinella della marea,
non  mi abbandonava.
Tu
non eri più umana
eri acqua salmastra,
lentisco e sabbia,
battito e sole,
fortuna e voragine
d’abisso
smarrito negli occhi
di smagliante turchese.

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

4 thoughts on “Un’onda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine