Ti leccherò la guancia,
toglierò il sapore agro della menzogna
per saziarmi col tuo spirito.
Annuserò l’aria in cui passi –
fugace lume – che con candore
torni a indicarmi il cammino
Ruberò ai tuoi occhi
pigli di complicità
Ascolterò la tua voce in canti e prose,
seguirò le tue melodie
Ti lascerò vagare nel bosco,
ti farò partire per il viaggio
nel caldo ventre della terra,
ma solo affinché tu possa tornare
a raccontarmi le meraviglie
di un mondo che sa donarti
magiche avventure
E io sarò qui, ad aspettarti

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

5 thoughts on “Lume che torna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine