Soffierai sui fili invisibili
della nostra storia,
voleranno liberi
mostrando il colore
nei varchi del vento.
Il giallo del sole
illumina il rosso del mio bacio.
Le tue mani
libere sul mio corpo
seguiranno la via della seta.

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

13 thoughts on “Seta

  1. Creatura dei miei sogni…ti credevo perduta nei recessi più profondi dei miei pensieri…e invece sei tornata da me con tutta la tua sensualità…”seta” sul mio cuore…ambrosia per inebriarmi!

  2. “Seta” di Baricco è la storia di un uomo. Un allevatore di bachi da seta che arriva in Giappone: “terra ai confini del mondo.”
    Un luogo comune di mille racconti è l’incontro fatale, lei è sempre bella, misteriosa e ladra dei sensi.
    E’ ancor più noto: la bella fanciulla lascia un segno nel cuore dello straniero che insegue il suo sogno come solo s’inseguono i sogni impossibili.
    “Seta” è la storia di un sogno, raccontato da penna poetica, piccolo oggetto contenente inchiostro come le uova dei bachi da seta contengono lunghi e colorati fili che possono avvolgere un amore, congiungere esistenze, metterci di fonte ad altri occhi.
    La mia “Seta” si associa al tessuto pregiato e leggero del romanzo di Baricco, resta un omonimo, di fatto è un semplice pugno di versi che racconta un amore improvviso.
    E da un’effusione d’amore nascono immagini percepite che si toccano, si sfiorano delicatamente, si congiungono, si accarezzano e la danza dell’amore volteggia nella luce.
    La poesia contiene i segreti del mondo, “un fluido magico colorato di fantasie” e così come una storia anche un verso “scritto” ci può salvare.
    Buone feste….
    Carina Spurio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine