Indecente

  Sono una fiamma gravida. Che incostante brucia in equilibrio sull’Amore. Sono ciò che sarei voluta essere. Essere, sarebbe ciò che sarei stata.   Rimango qui. Fra l’inferno e il paradiso. Al centro di questa distanza. Condannarmi ai lati, vivrei di privilegi. Di eccessi centrali mi nutro e mi contorco.   Sono la carne che brucia perenne. Un bacio liquido di me, che percorre la pelle dei viaggi. Sono l’angelo stuprato dall’aria della terra. In perenne apnea resisto. Insisto. Concimo...

Ultimi articoli

Libri per San Valentino 2024

💖🎁 Idee regalo per San Valentino? Scopri i consigli di Manuale di Mari nella Speciale GALLERIA DEI LIBRI DA REGALARE! 📚 🔗 Visita la Galleria...

Separati da raggi dispersi di Marco Mastromauro

L’immagine di copertina è un’opera di Dante Zamperini intitolata Irradiazione che ricalca il titolo dell’opera poetica Separati da raggi dispersi di Marco Mastromauro con...

Non mi dimentico mai di chiamarti amore

Incisive le metafore, fluenti i versi, musicale il testo. La silloge colpisce per la sua intensità emotiva e per la sua capacità di fondere echi del passato e sensibilità contemporanea...