Onda

 

si spalma

 

su onda

 

ed il declino

delle mie membra

si adagia

in un tepore notturno

cavalcando

destrieri dispersi

in brughiere indefinite

 

Bruciore

s’ingolfa

annaspando

nei miei desideri

 

Vuoto incolmabile

 

Pieno inesprimibile

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

Archived in Senza categoria and tagged . Bookmark the permalink.

16 thoughts on “OCEANO

  1. Davvero molto bella, soprattutto nel modo di come sei riuscita ad esprimere un significato così profondo in poche parole

  2. Ilaria le poesia devono affrancarsi da chi le ha scritte, per me è molto interessante vedere come un mio scritto viene interpretato da chi legge, una volta liberata da me la poesia “è” del lettore. Questa tua è molto bella, trovo però poco adatto in questa lirica il verbo “s’ingolfa”. Ma tutto questo però rientra nel mio modo di percepire la tua poesia da lettrice appunto. Un bacio.

    Adelaide.

  3. Sono d’accordo con QueenIshtar! Ogni persona che legge una poesia deve ritrovarci l’anima di chi la scrive senza tante spiegazioni… se poi riflette un po’ anche se stessa… meglio!

    Non sono una scrittrice di poesie… ma secondo me la seconda parte del tuo componimento è un pochino troppo enigmatico… ma mi posso benissimo sbagliare… certo, ammetto di averlo riletto più volte prima di assaporarne la profondità…

  4. Non è niente male…

    Pss pss carissima Ilaria…un consiglio evita di spiegare le parole delle tue liriche, lascia che sia concesso al lettore il ritrovare il filo d’arianna che al tuo mondo conduce…è un modo per capire fino a che punto si arriva al cuore di chi legge.

    Ti abbraccio…

  5. No ti nascondo che avevo davvero voglia di leggerti…ed è bellissima questa descrizione! A rischio di ripetermi, le parole mi devono entrare dentro, fisicamente, e allora è emozione…grazie Ilaria, è splendida!

  6. La ricerca interiore dello spirito fa parte del nostro cammino, sfumato da molte brughiere e malinconie.

    Complimenti! traspare anche una fragilità dell’anima

    Un caro saluto

    Nicoletta

  7. Mi ricorda un ricordo

    Un ricordo estivo al mare

    Ero io un’onda lunga

    C’andava te ad accarezzare

    Come una fionda

    A dismisura tesa

    A ghermirmirti come preda

    Sulla sabbia stesa

    Meraviglia ignuda… colmando il momentaneo vuoto dei pensieri.

  8. se sei poetessa o non lo sei non lo so ma rilke lettere ad un giovane poeta dovresti leggerlo. attendo la prossima

    flavio

  9. Onda su onda credo che sia la ridondanza dello scorrere delle cose…ma anche il fermarsi sulla riva del mare a riflettere su se stessi….

    La vita prosegue, il declino del corpo sopraggiunge ma c’è sempre la spasmodica ricerca di sé (destrieri dispersi in brughiere indefinite), che rimane sempre velatamente celata a noi stessi…

    Le emozioni, poi, spesso bloccano la ricerca anziché dare via libera….perché complicano tutto…ma senza desiderio, che senso avrebbe la vita?

    Alla fine tutto rimane inesprimibile….

    Non siamo mai soddisfatti (vuoti incolmabile) ma non riusciamo a definire la nostra vera essenza (pieno inesprimibile)…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine