Cerco ostinato sul fondo del mare
Ancora ancore da stringere al petto
Metto i sigilli alle mie cose care
Brutto, sgraziato, mi sento imperfetto
Immagino allora di cambiare dentro
Occhi socchiusi e dentro mi sventro
 
Fuori ho lasciato ad amare il mare
Un’ombra di me senza tanti contorni
Ogni mio porto in aborto scompare
Resto in ascolto di uccelli notturni
Incapace fenice infelice d’amare.

Se vuoi ascoltarla, clicca QUI

By Divento di Vento

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

3 thoughts on “Cambio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine