Fragili come certi capelli
i nudi di una vita obliqua
sul Tuo rettilineo

da una finestra osservo
il mio tempo passare

Le mani, ah, le Tue mani
che sono le mani di Dio nella Tua pelle
scrivono in me le più belle Poesie
con il sangue sempre fresco
delle Nostre solitudini

Solo il vento attraversa la strada
mentre Tu sempre nella mia vita, arrivi.

BaciarTi le mani e il viso
prima di abbracciare con il corpo
tutta la Tua anima
appena arrivi salendo a corsa, le scale.

E’ così,
con lo stesso Tuo affanno
che sono arrivata a Dio

percorrendo Te

 

liberamente tratto dalle scale dell’Anima

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

5 thoughts on “Dieu

  1. Poesia bellissima e intensa. Meraviglioso quel ‘sangue sempre fresco delle nostre solitudini’, anche se l’amore scrive in noi le più belle poesie. I miei più vivi complimenti, ti invito a visitare il mio blog Lenio Vallati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine