Maria Suglia Pesce

Giglio di mare

Quando ti ritrovo nella realtà o nel sogno più caldo di essa, ritorno bambina dolce, buona, incantata. Il tuo sguardo su parte del mio viso ne mangia un po' e mi sento come una torta senza una fetta, quella fetta che i tuoi occhi ingordi inghiottono con tanta fretta da non permettersi di sentirne il sapore o il profumo. Ma non mi sento mutilata...