Laura Ficco

Laura Ficco è nata a Genova ma vive e lavora ad Assemini (Ca). Pittrice e poetessa, nasce artisticamente negli anni ottanta come pittrice creativa in diversi generi espressivi, partecipando a varie mostre ed estemporanee.
Dall’anno 2003 come poetessa ha ripreso a esternare i pensieri dell’anima, già coltivati in età adolescenziale, componendo varie liriche e contraddistinguendosi particolarmente nella tematica della sensibilità verso il prossimo.
Ha partecipato a numerosissime manifestazioni culturali di musica e poesia al Palazzo Vice Regio di Cagliari, in vari auditorium, circoli letterali e teatri della Sardegna (spettacoli di musica classica, leggera, teatro e recital di poesie in tante città della Sardegna ed in varie manifestazioni di ricorrenza.
È lettrice ufficiale dei recital di Poesie organizzate mensilmente dall’Associazione Culturale “Impari po Imparai” di Quartucciu dal 2007;
Frequenta il Corso Triennale di teatro presso il liceo Classico “Siotto” di Cagliari.
Ha composto oltre 400 opere, raccolte in parte in tre libri pubblicati nel 2008 Se parla l’anima, nel 2010 Brucia la notte e nel 2011 Lento il passo intensa la meraviglia.
Ha partecipato a diverse esposizioni e concorsi letterari ottenendo numerosi consensi e riconoscimenti a livello nazionale e internazionale.

Rosso Porpora di Laura Ficco

Il precipizio della scogliera * - Trovare le parole per raccontare chi sono non è facile, ma oggi che mi sento particolarmente giù d’umore mi garba, forse è un pretesto per farmi compagnia, la solitudine è ciò che mi lascia orfano nella marea di esseri che ci circondano. Provengo dalla lontana terra di Dower, la mia famiglia medio borghese era molto cattolica e a noi tre...

Ultimi articoli

Libri per San Valentino 2024

💖🎁 Idee regalo per San Valentino? Scopri i consigli di Manuale di Mari nella Speciale GALLERIA DEI LIBRI DA REGALARE! 📚 🔗 Visita la Galleria...

Separati da raggi dispersi di Marco Mastromauro

L’immagine di copertina è un’opera di Dante Zamperini intitolata Irradiazione che ricalca il titolo dell’opera poetica Separati da raggi dispersi di Marco Mastromauro con...

Non mi dimentico mai di chiamarti amore

Incisive le metafore, fluenti i versi, musicale il testo. La silloge colpisce per la sua intensità emotiva e per la sua capacità di fondere echi del passato e sensibilità contemporanea...