flik

La rosa

Il ragazzo del villaggio vide la rosa nell’angolo del giardino rosa canina semplice selvatica rosa tra le rose simile e diversa nella mente rimase impressa Sognò di lei dei suoi petali ancor chiusi ne immaginò colore e profumo e poi non dormì più Al giardino ritornò che l’alba era lontana e volle esser ape per trovare nettare sì dolce e trasformarlo in miele e volle esser farfalla per posarsi  leggero sul bocciolo delicato ma la sfiorò con un bacio e si sentì uomo.

Ultimi articoli

Tutta colpa delle bollicine di C. Pappalardo

Tutta colpa delle bollicine di Carmela Pappalardo, romanzo di esordio della scrittrice siciliana Tutta colpa delle bollicine di Carmela Pappalardo, la scoperta e la paura dell’amore È possibile chiudere la...

Ho chiuso con te di Emanuela E. Amato

Ho chiuso con te di Emanuela Esposito Amato, il nuovo romanzo dell’autrice di Uno squillo per Joséphine Ho chiuso con te di Emanuela Esposito Amato, “nessuno è ciò che sembra” Due...

È arrivato il momento di guardarsi negli occhi di Dayla Villani

Raccontare una storia e allo stesso tempo far riflettere il lettore aiutandolo a scoprire il proprio io e non solo! C’è anche il tema...