Filippo Inferrera

Il gabbiano, la viola, la memoria di Filippo Inferrera

Alfaomega - Amo me in altro corpo e le parti che mutano, amo gli alberi sfioriti e le stelle filanti che strillano di luce, d'agosto. Amo il silenzio e le fauci del mostro petulante, amo la bianca vela e l'occhio nudo del cannone, amo perdutamente l'acqua della vita. Amo la piazza rovente e il deserto delle cortecce dimenticate, amo te. Presto, sarò posseduto da rughe e segreti, da giochi in chiaroscuro e mani assassine che...

Ultimi articoli

Tutta colpa delle bollicine di C. Pappalardo

Tutta colpa delle bollicine di Carmela Pappalardo, romanzo di esordio della scrittrice siciliana Tutta colpa delle bollicine di Carmela Pappalardo, la scoperta e la paura dell’amore È possibile chiudere la...

Ho chiuso con te di Emanuela E. Amato

Ho chiuso con te di Emanuela Esposito Amato, il nuovo romanzo dell’autrice di Uno squillo per Joséphine Ho chiuso con te di Emanuela Esposito Amato, “nessuno è ciò che sembra” Due...

È arrivato il momento di guardarsi negli occhi di Dayla Villani

Raccontare una storia e allo stesso tempo far riflettere il lettore aiutandolo a scoprire il proprio io e non solo! C’è anche il tema...