Federico Romagnoli

L’abirinto di Federico Romagnoli

Venticinque novembre - Il rebus del naso - Il tempo di certo non passa, lo spazio semmai si sbriciola come di sasso, e si dilata il senso dello strazio. Le mani ruvide di te annaspano nel vuoto, salendo verso il basso, un passo dopo un passo, appena rigide. Il nero squarciato propone un rebus: il tuo occhio sinistro è uguale a quello destro. Nel mezzo mi smarrisco, del tuo viso, è il naso che fa la differenza, l'odore del tuo...