ego

Quello che davvero conta per me è scrivere, perché? Perché ci sono nata così! Scrivo pensieri, racconti, poesie… Nel turbinio della mia irrequieta vita quotidiana, è l’unica cosa che sento davvero. Leggo moltissimo. Praticamente credo di aver iniziato a leggere e a scrivere prima ancora di camminare. Almeno a dire di mia madre. Io non ne ho memoria, come già detto credevo di esserci proprio nata. Ho pensato di rispondere alla domanda sul perché scrivo riprendendo un mio appunto a matita fra le pagine di un libro che stavo leggendo, “Memorie dal sottosuolo” di Dostoevskij.
“…scrivo i miei pensieri, così come affiorano
…nessuno di voi li leggerà mai…
…pensieri scoordinati, emozioni incontrollate.
…parole…
il dolore lo imprigionano,
le emozioni le catturano…
perchè se le lasciassi libere di vagare nei pensieri
non riuscirei a raggiungerle.
E’ come una macchina fotografica
che riesce a fissare l’attimo…
a negare il tempo…
ma quell’istante rubato è la mia anima…”

Fuggon le stelle

Fuggon le stelle Dagli sguardi speranzosi, Fuggon Dai desideri sconosciuti. Luce lontana Si volge ai nostri cuori, Luce meschina E froda i nostri amori. Luce già morta Che giunge ad ingannar di vana speme, quando già non è e più niente teme.

Asfalto

Silenzi

Ultimi articoli

Libri per San Valentino 2024

💖🎁 Idee regalo per San Valentino? Scopri i consigli di Manuale di Mari nella Speciale GALLERIA DEI LIBRI DA REGALARE! 📚 🔗 Visita la Galleria...

Separati da raggi dispersi di Marco Mastromauro

L’immagine di copertina è un’opera di Dante Zamperini intitolata Irradiazione che ricalca il titolo dell’opera poetica Separati da raggi dispersi di Marco Mastromauro con...

Non mi dimentico mai di chiamarti amore

Incisive le metafore, fluenti i versi, musicale il testo. La silloge colpisce per la sua intensità emotiva e per la sua capacità di fondere echi del passato e sensibilità contemporanea...