D. Cattani Rusich

L’ultima notte d’estate

Non c'è canto ch'io possa cantare l'ultima notte d'estate, che sfiora di brezza leggera - e già fredda - le ali piegate del giorno. Non c'è sogno ch'io possa sognare l'ultima notte d'estate, quando il tempo scolora - e rimane sospeso - fra le braccia pietose del buio. Non c'è poesia ch'io possa scrivere l'ultima notte d'estate, che mi esplode nell'anima - sfuggente illusione - dall'aurora del tempo. È grandissima e fragile come quando la vita era solo pensata, quasi un tulle da sposa adagiato sul...

Ultimi articoli

Libri per San Valentino 2024

💖🎁 Idee regalo per San Valentino? Scopri i consigli di Manuale di Mari nella Speciale GALLERIA DEI LIBRI DA REGALARE! 📚 🔗 Visita la Galleria...

Separati da raggi dispersi di Marco Mastromauro

L’immagine di copertina è un’opera di Dante Zamperini intitolata Irradiazione che ricalca il titolo dell’opera poetica Separati da raggi dispersi di Marco Mastromauro con...

Non mi dimentico mai di chiamarti amore

Incisive le metafore, fluenti i versi, musicale il testo. La silloge colpisce per la sua intensità emotiva e per la sua capacità di fondere echi del passato e sensibilità contemporanea...