Armando Saveriano

Armando Saveriano, essenzialmente conosciuto per i suoi versi, che compone dal lontano 1979, e per i saggi critici sulle poetiche, si è sempre cimentato, nelle penombre del riserbo, con la narrativa. Prosa, la sua, che subisce fortemente l'influsso e l'attrait anglosassone e americano di autori mainstream come Ramsey Campbell, Robert Aickman, Bentley Little, William Peter Blatty, Philip K. Dick, Joe R.Lansdale, W.F.Nolan o degli italiani Buzzati e Calvino. E' presidente fondatore dell'associazione culturale Logopea, palestra di formazione per giovani e meno giovani inclini al writing e/o al teatro. Maestro in arti sceniche, esperto in scrittura creativa presso istituti scolastici di ogni ordine e grado, ha condotto al migliore esito numerosi P.O.N. Soggettista e sceneggiatore del lungometraggio "Legami invisibili", vive e opera in Avellino.

Elogio del blu di Armando Saveriano

Parigi, gennaio 1809 - Erano le prime luci dell'alba e una carrozza percorreva a gran velocità le vie di Parigi. I passeggeri erano appena arrivati dall'Italia, dopo un lungo ed estenuante viaggio, ma i loro visi non denotavano stanchezza, bensì una grande emozione. Il duca Nicolas de Soissons rientrava per la prima volta in patria, dopo molti anni vissuti nei suoi possedimenti nel Granducato di...