amcozza

Sono nato a Valva (Sa), un piccolo paese della valle del Sele, il 16 gennaio 1947…..abbandono Napoli la città adottiva per dimenticare amori e miserie. La precarietà è sconfitta. Il filo dell’avvenire si dipana secondo i canoni fissi del copione borghese: mi sposo, ho dei figli, l’automobile, la casa. Gli anni passano ma nel fondo del cuore, assopito, vive il mio passato; a poco a poco si riaffaccia e in un sodalizio si somma alla delusione di una vita monca e sempre uguale. Uno scoramento si perpetua condito da scialbi giorni. Ma bisogna pure andare avanti, aggrapparsi a un’illusione, denudarsi e mostrare cosa siamo, cosa vorremmo essere, le paure, le speranze….Da qui ho timidamente incominciato perché altri sapessero

Prigioniero di questa sera

Prigioniero di questa sera / distratte le vigili ombre / tiro le somme del giorno / stappato ad una vita infeconda. / Quanto ho perso, quanto ho guadagnato / quanto sudore di pena è grondato / da questa sterilità straripante!

Ultimi articoli

Libri per San Valentino 2024

💖🎁 Idee regalo per San Valentino? Scopri i consigli di Manuale di Mari nella Speciale GALLERIA DEI LIBRI DA REGALARE! 📚 🔗 Visita la Galleria...

Separati da raggi dispersi di Marco Mastromauro

L’immagine di copertina è un’opera di Dante Zamperini intitolata Irradiazione che ricalca il titolo dell’opera poetica Separati da raggi dispersi di Marco Mastromauro con...

Non mi dimentico mai di chiamarti amore

Incisive le metafore, fluenti i versi, musicale il testo. La silloge colpisce per la sua intensità emotiva e per la sua capacità di fondere echi del passato e sensibilità contemporanea...