Fai presto:
prendimi le mani
e andiamo via lontano!

Ho camminato tanto per arrivare fin qui
ma niente è stato così
libero come te
in questo angolo di mondo.

Appoggiato tra l’ombra
e la luce del pomeriggio
che taglia l’asfalto
mi guardi con le mani in tasca:

che fine ha fatto
l’aria magica della sera
che ci aveva trovati
seduti vicini a esplorare
il blu profondo
dei nostri pensieri?

Se adesso mi prendessi la mano
ti seguirei
perchè più di tutto
voglio stare con te.

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

8 thoughts on “Nelle mani

  1. C’è una profonda dolcezza in questa lirica, che percorre ogni parola. E nello stesso tempo quella domanda gettata lì: che fine ha fatto…?
    Intenso e delizioso questo tuo poetare.

    Un abbraccio
    Marilena

  2. Le mani da stringere come metafora di un donarsi completamente, di un affidarsi senza riserve. Perchè questo è l’amore, un viaggaire insieme fino ai confini del mondo…
    Maya

  3. L’aria magica, l’attimo dell’incanto d’amore. Poterlo far vivere sempre è l’immenso, forse troppo immenso per le creature mortali.
    Descritti molto bene i due aspetti dell’amore, nella gioia e nell’inquietudine.

    Nicla Morletti

  4. “che fine ha fatto
    l’aria magica della sera
    che ci aveva trovati
    seduti vicini a esplorare
    il blu profondo
    dei nostri pensieri?”

    Quante volte ho pensato la stessa cosa? Con questi versi mi hai graffiato il cuore questa mattina. Una lirica intensa, che mi ha lasciato… con le mani nelle mani, senza parole.

    Pierpaolo “JetStream”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine