folder Filed in Poesia
Il sarto di medea
alessandro3001 comment 3 Comments access_time 1 min read

"… ed ecco apparire Medea.
che le lacrime non abbiano senso….
Casta e dannata
rimette il suo velo
sul viso.
mi brucia e poi s’allontana…"

un fantasma di filo tenuto lontano,
un eco ferito, un piccolo amo,
lei mi graffia la schiena e poi s’allontana
gelandomi in bocca la bestemmia e l’amore.
Ma è solo una farsa, ogni parola,
l’attrice si strucca e torna alla vita;
le sue dita non sono che fragili vesti
costruite da un sarto per darmi stupore.
Ma una  punta di spillo mi penetra il petto
un fastidio geloso, un dolore sommesso.

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Amore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Pubblica il commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine